Ritorno Economico Investimento

Il ritorno economico del capitale investito per la realizzazione di un impianto fotovoltaico dipende da molti fattori, i principali dei quali sono di seguito sinteticamente descritti.

 

Costi

L’installazione di un impianto fotovoltaico richiede un elevato investimento iniziale, mentre i costi di esercizio sono ridotti al minimo in quanto il combustibile (l’irragiamento solare) è gratuito; anche i costi di manutenzione sono limitati poiché il sistema, nella maggior parte dei casi, è privo di parti in movimento. In ogni caso, la fornitura dei moduli rappresenta la voce di costo più rilevante e spesse volte può superare il 60% dell’intero costo dell’impianto. I costi di esercizio e manutenzione annui sono abitualmente stimati in circa 1-1,5 % del costo dell’impianto. La vita utile dell’impianto è calcolata in almeno 20 anni e, a partire dal decimo anno, è buona norma prevedere interventi di manutenzione straordinaria per la sostituzione di alcuni componenti elettrici, soprattutto dell’inverter. Può essere utile anche la stipula di contratti assicurativi per garantire l’impianto a fronte di eventi “straordinari” come il furto o il danneggiamento in seguito ad eventi meteorologici estremi.

Ricavi

I ricavi per il soggetto responsabile derivano:

1. dalle tariffe incentivanti riconosciute a tutta l’energia elettrica prodotta dall’impianto fotovoltaico (Conto Energia); le tariffe sono differenziate in funzione della taglia, del tipo di integrazione architettonica e della possibilità di usufruire di ulteriori “premi” aggiuntivi per il risparmio energetico o per altre determinate condizioni:

2. dalla valorizzazione dall’energia elettrica prodotta dall’impianto che può essere poi autoconsumata (anche con il sistema dello scambio sul posto) oppure venduta al mercato.

Di conseguenza, i ricavi del soggetto responsabile sono differenziati e variabili in funzione di numerosi fattori dipendenti dalle caratteristiche tecniche dell’impianto fotovoltaico, dal tipo di servizio effettuato (scambio sul posto o vendita dell’energia ceduta alla rete elettrica) nonché dalla possibilità di usufruire di ulteriori premi previsti dal DM 19/02/07.

Copertura finanziaria

Le modalità di finanziamento per la realizzazione dell’impianto fotovoltaico influenzano il ritorno dell’investimento. In particolare, se l’impianto viene realizzato con finanziamento da parte di terzi, occorre tenere conto dell’incidenza degli interessi passivi.

Regime fiscale da applicare ai ricavi

Il regime fiscale di tassazione agisce sui seguenti ricavi ottenuti dal soggetto responsabile:

1. tariffe incentivanti ottenute per l’energia prodotta dall’impianto;

2. vendita dell’energia prodotta dall’impianto e ceduta al distributore locale/gestore di rete.

Le modalità di tassazione dei suddetti ricavi dipendono dal tipo di servizio effettuato dall’impianto (scambio sul posto o cessione alla rete dell’energia prodotta) e dal profilo giuridico fiscale del soggetto responsabile (persona fisica, persona giuridica, condominio, ecc). La richiesta dell’incentivazione per gli impianti fotovoltaici GSE.

Conclusioni

Alla luce di quanto sopra detto, ne consegue che ogni singola iniziativa, soprattutto se realizzata con finalità commerciale, contiene caratteristiche peculiari che possono essere correttamente valutate solo attraverso una specifica e attenta analisi economico-finanziaria che tenga conto dell’investimento da effettuare per realizzare l’impianto fotovoltaico, dei ricavi attesi, dei costi di gestione e manutenzione e assicurazione dell’impianto, degli oneri finanziari e del regime di tassazione da applicare. Se si limita l’esame ad impianti di piccola taglia (1-3 kW), realizzati sulle pertinenze di edifici e destinati ad operare in regime di scambio sul posto, è possibile effettuare valutazioni approssimate, di validità generale, che portano alle seguenti stime del tempo di ritorno del capitale investito: • Italia settentrionale: 11 – 13 anni • Italia centrale: 9 – 11 anni • Italia meridionale: 7 – 9 anni L’estremo superiore dell’intervallo si riferisce ad un impianto ottimamente progettato e realizzato, la cui tipologia d’installazione corrisponde almeno alla parziale integrazione, mentre l’estremo inferiore si riferisce ad un impianto totalmente integrato, che ricade in uno dei casi per i quali è previsto l’incremento del 5% della tariffa base e usufruisce anche del valore massimo del premio abbinato all’efficienza energetica.

PER SAPERNE DI PIU'

Tutto è Energia basta saperla sfruttare...